PedagogiaPreparazione FisicaPsicologiaSociale

La piramide di Maslow

Il lato psicologico è uno dei tanti temi di cui si deve tener conto nello sport. Quando si ha davanti un atleta, si deve tener conto che questo possa avere problematiche al di fuori dello sport che compie che possono, ovviamente, creare problemi anche durante una performance.

Nel 1954 lo psicologo Abraham Maslow creò una piramide dei bisogni e delle necessità, che formano il modo di vivere i un individuo. Di seguito diamo uno sguardo alla piramide:

Dal basso verso l’alto, quindi dai bisogni primari a quelli secondari, abbiamo i seguenti livelli:

  1. Bisogni fisiologici;
  2. Bisogni di sicurezza;
  3. Bisogni di appartenenza;
  4. Bisogni di stima;
  5. Bisogni di autorealizzazione. (1)

Quindi si parte dall’omeostasi, il sonno e la fame, si passa per la sicurezza familiare, l’amore, l’amicizia e l’autostima, fino ad arrivare alla realizzazione della propria identità. Quindi per Maslow è questa la sequenza giusta da seguire per far sì che un soggetto stia bene con se stesso e il mondo esterno. Per molti psicologi, però, oltre a ritenere troppo esemplificata questa piramide, contestavano allo statunitense che i bisogni tra i vari individui possano susseguirsi in modo diverso rispetto ai livelli da lui descritti.

 

 

(1) Motivation and Personality, Abraham Maslow 1954